fbpx

Al giorno d’oggi, Il livello di concorrenza nel marketing B2B è molto elevato. È essenziale per i marketers sviluppare strategie che mettano in evidenza i loro prodotti o sevizi per riuscire a generare contatti profilati. Se parliamo di B2C, le aziende da parecchio tempo hanno capito che uno dei migliori modi per attrarre il proprio pubblico è quello di puntare sul marketing emozionale. Questo è il motivo che ha dato vita alla creazione di campagne pubblicitarie che puntano a colpire i sentimenti e le emozioni delle persone. Questa strategia di marketing viene utilizzata, con grande successo, per aumentare le conversioni. Ecco un esempio di marketing emozionale creato dal famoso brand Gillette “We Belive: The Best Man Can Be”.

La maggior parte delle persone è convinta che il marketing emozionale sia adatto solo ed esclusivamente al B2C, questo perchè tendiamo ad immaginare il pubblico del B2B come un’azienda fatta di muri e scrivanie. La cosa che però dobbiamo tenere a mente è che le aziende sono fatte da persone in carne e ossa che vivono, ridono, piangono e si emozionano. Molte di queste persone all’interno delle società in cui lavorano, prendono delle decisioni importanti e tra queste anche quella di affidare un lavoro alla vostra azienda. Da una recente ricerca, risulta addirittura che i clienti B2B siano più ricettivi davanti a quello che chiamiamo marketing emozionale o marketing dei sentimenti. Ecco 5 modi per connettersi con il pubblico a livello emotivo.

 

1. Onestà e autenticità

2. Essere empatici

3. Raccontare una storia

4. Creare emozioni positive

5. Guadagnare le loro emozioni

 

1-Onestà e autenticità

Essere onesti, trasferire i valori del marchio! Questo è il punto di partenza per creare un marketing emozionale coinvolgente. L’azienda e quindi il marchio deve sempre dimostrare al proprio pubblico di essere in linea con i propri valori e coerente con il prodotto o servizio che commercializza.

 

2-Essere empatici

Comprendere le esigenze dei clienti, si traduce in una risposta emotiva. Se conosciamo il nostro cliente, i suoi bisogni e le sue paure, sapremo creare una strategia di marketing emozionale che fornisca le soluzioni ideali, delle soluzioni fatte su misura. Un marchio che riesce a parlare ai sentimenti delle persone stimolando le emozioni ha maggiori possibilità di essere notato e di vendere. Essere empatici aiuta a sviluppare una forte fedeltà da parte dei clienti.

 

3-Raccontare una storia

Usare lo storytelling è un’ottima strategia per coinvolgere il pubblico e sviluppare un legame emotivo. Le storie emozionano, aiutano grazie ad immagini, testo e musica a coinvolgere e a raccontare la vostra azienda e il vostro marchio. Usate lo storytelling per raccontare quello che vi differenzia dalla concorrenza. Potete raccontare una storia che parla dei problemi del vostro pubblico e nel finale far capire come la vostra azienda sia in grado di risolverli. Usate le testimonianze dei clienti per raccontare in modo positivo e reale le esperienze che gli utenti hanno vissuto e provato grazie al vostro marchio.

 

4-Creare emozioni positive

Bisogna concentrarsi sulla creazione di emozioni positive. Creare rassicurazione nel cliente, ha effetti estremamente positivi ed aumenta la generazione di lead oltre alla consapevolezza del marchio. Trova il modo per mostrare come la tua azienda sia in grado di annientare i sentimenti negativi e le paure, ma soprattutto come possa aiutare a risolvere i problemi. Usa i social o il blog aziendale per diffondere i tuoi contenuti di marketing emozionale. Ricordati che le persone sono sempre propense a condividere contenuti che trasmettono un’esperienza positiva!

5-Guadagnare le loro emozioni

Ricordati che fare marketing nel B2B significa parlare a persone e non a muri! Per questo motivo non dimenticare che le persone che prendono delle decisioni in azienda, possono pagare sulla loro pelle eventuali scelte errate. Guadagnare le emozioni, significa costruire passo dopo passo la fiducia nei vostri confronti attraverso un approccio onesto e veritiero. Si sempre trasparente, si sempre pronto a dare risposte positive e fornire soluzioni per guadagnare la fiducia del cliente.

 

Conclusioni:

Esperienze fatte da marchi famosi, dimostrano come il marketing emozionale si perfettamente in grado di funzionare anche nel B2B. L’umanizzazione del brand è fondamentale per dar vita a campagne proficue che vi permetteranno di aprire le porte a nuovi clienti. Se la tua azienda necessita di una consulenza per la creazione di campagne di marketing, non esitare e contattaci!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This